Ducati apre il primo ristorante

Ducati apre il primo ristorante Factory, un ambiente inedito che mixa motori, cibo, musica, arti visive e voglia di socializzare.

Da Gennaio 2017 500 metri quadrati aperti da Ducati in via Stalingrado 27, dentro un vecchio capannone degli anni Cinquanta – in una zona di Bologna un tempo fiore all’occhiello della meccanica e oggi polo emergente della ristorazione metropolitana giovane ed eclettica.

Scrambler Ducati Food Factory

Dietro a Scrambler Ducati Food Factory c’è l’idea e l’investimento di Sviluppi urbani, società bolognese specializzata nello sviluppo retail, che ha trasformato un vecchio canapificio in una vera “fabbrica del cibo”.  La sala, ripensata dall’architetto Giacomo Migliori, offre 130 coperti, e un design contemporaneo di stampo industrial che integra il grigio del cemento “on the road”, il giallo Scrambler, i tubi che richiamano alla produzione e alla fabbrica.

La cucina è open space, un soppalco con trenta posti è ideale per meeting riservati, e alle pareti interventi a mano libera, alla bomboletta, con inserti che richiamano al mondo Ducati (di grande effetto la parete di serbatoi colorati), del writer e artista modenese Mauro Roselli, che ha già collaborato con Converse e Museo Pavarotti. Le atmosfere calde e metropolitane, determinate da un attento light design, portano invece la firma di Viabuzzuno di Bentivoglio (BO).

Come si mangia

Comunque siam venuti per mangiare😁 Veniamo al menù. Nella cucina a vista si preparano piatti classici bolognesi e contemporanei, con ingredienti genuini e del territorio, ma anche gli impasti e le farciture delle pizze gourmet.   La pasta fresca è uno dei punti forti, con tortellini, tortelloni, gramigna, lasagne, tagliatelle, che arrivano dal forno artigianale Pallotti; ma si può scegliere anche la cotoletta alla petroniana, o gli hamburger di Chianina; mentre il capitolo affettati, che riempiono i taglieri e farciscono le pizze, è appannaggio della Villani Salumi di Castelnuovo Rangone (Modena), che è la più antica azienda salumiera dell’Emilia Romagna e tra le più longeve d’Italia.

Pizza & Birra

Il reparto pizza garantisce impasti morbidi e croccanti, sia per le tonde (rosse o bianche), che per le pizze in pala, preparate con farina multicereale biologica, e cotte in un grande forno a legna. Grande attenzione è riservata ai topping delle pizze, le pizze sono “Customizzate” come si confà ad una vera Scrambler😀. Farcite con selezionate materie prime, tra cui le acciughe del Cantabrico, il Prosciutto crudo di Parma 24 mesi, il formaggio Blu del Monviso, la Salsiccia di Mora Romagnola, l’Aceto balsamico di Modena, la burrata pugliese Querceta bio.

Per quanto riguarda la parte del beverage, la scelta cade su una selezione di birre italiane, anche artigianali e vini nazionali, in particolare il Franciacorta Contadi Castaldi; e il Lambrusco Ottocentonero di Cantina Albinea Canali.

La nostra opinione

In conclusione. Il posto è molto particolare ed emozionante. Il servizio è giovane ed efficiente. I prezzi sono appena un po’ superiori alla media. La vera sorpresa è stata che le Lasagne erano veramente al livello delle migliori Osterie Bolognesi🔝

 

 

 

 

Consigliatissimo !

 

Alessandro Finali

Moderatore del Forum e Presidente del Gruppo Regionale Multibalotta. Macino tanti kilometri in ogni stagione dell’anno in sella ad una Multistrada1200.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: